giovedì 30 gennaio 2014

Obsploitation has landed

Benvenuti in OBSPOLITATION, il blog nato da una costola di Obsidian Mirror. Un piccolo blog che in linea di massima ne rispetterà i principi e le scelte, oltre che l'impostazione grafica. Quello che salta subito agli occhi è la complementarità del colore di sfondo. Tanto nero è Obsidian Mirror, tanto bianco è Obsploitation. Ma nero e bianco sono solo dei colori, anzi, per essere precisi essi sono rispettivamente "assenza di colore" e "somma di tutti i colori". L'uno è il contrario dell'altro, ma ciò non significa che i due colori talvolta non si sovrappongano formando un tutt'uno. Il terzo colore è il rosso, che i due blog condividono nella grafica del titolo. Rosso come il fuoco, rosso come la passione, rosso come l'argilla, rosso come il vino, rosso come il cielo al tramonto... rosso come il sangue. Ecco, è proprio il rosso il vero punto in comune.
Obsploitation, nei miei intenti, non toglierà alcuno spazio a "The Obsidian Mirror", al quale è riservato il compito fondamentale di parlare di me, dei miei progetti, della mia vita, delle mie passioni. Obspolitation è destinato a rimanere un blog di nicchia, subordinato a quello principale. Obspoitation non ruberà dello spazio all'altro blog, così come non gli ruberà del tempo. Obsploitaiton quindi, volente o nolente, non potrà che avere una frequanza di aggiornamento più lenta, in relazione alle necessità mie e a quelle del blog principale.

Ma cos'è Obspolitation? Il nome Obspolitation, come credo sia facile intuire, deriva dalla fusione dei termini Obsidian ed Exploitation, sul cui significato vi rimando alle rispettive pagine di presentazione (questa e questa). Obsploitation è innanzitutto un blog tematico: su Obsploitation si parlerà solo di cinema, quel particolare tipo di cinema che non trova spazio nell'altro blog, un cinema sporco di sangue, un cinema intriso di violenza, ma anche un cinema sensuale, che non mancherà vi affascinarvi.
Ma perché Obspolitation? Per trovare una spiegazione conviene partire da molto lontano, dal giorno in cui chi vi scrive si affaccia per la prima volta sul mondo, nella sala parto di un ospedale milanese. Era la seconda metà degli anni Sessanta e, come credo sia capitato a molti miei coetanei, ho vissuto la mia fanciullezza in un periodo incredibile sotto tutti i punti di vista. Il mondo stava cambiando, in quegli anni. In tutti i sensi.
Anche dal punto di vista artistico si stava vivendo un'epoca d'oro. C'erano stimoli ovunque, tanti come non ci sarebbero stati mai più nei decenni successivi. Peccato che quando me ne accorsi era già finito tutto. Un giorno, ormai cresciuto, aprì gli occhi e mi ritrovai negli anni Ottanta, un decennio che, anche se oggi qualcuno cerca di rivalutarlo, era davvero solo poco più di niente. Mi ero perso gli anni Settanta, quei "meravigliosi" anni Settanta dei quali mi era rimasto solo qualche vago ricordo in bianco e nero, di me aggrappato alle gonne di mia madre.
Ed è proprio da quei ricordi in bianco e nero che nasce Obsploitation, da quei meravigliosi film che oggi non siamo più capaci di fare, da quei film dove anche solo la locandina era un'opera d'arte. Lo scopo di Obsploitation è anche quello di aggiungere un po' di colore a quel bianco e nero. Questo è il punto di partenza. Dopodiché vedremo: la strada da percorrere è ancora tutta da stabilire.

31 commenti:

  1. Iniziativa interessante e ghiottissima, mi attendo una bella dose di exploitation; sexploitation; blacksploitation e anche ozsploitation quindi... Voglio avere l'onore di essere il primo lettore fisso, seguirò con piacere questo tuo nuovo spazio all'insegna di un ritrovato WWC: "World Weird Cinema" (complessivamente mi piace definirlo così), obsidian. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche nunsploitation, nazisploitation, wipsploitation.... e chi più ne ha più ne metta. Benvenuto e grazie per essere il primo follower e il primo commentatore. :)

      Elimina
  2. Non per fare il rompiscatole, ma è praticamente il contrario... è il nero la somma di tutti i colori (anche quelli che non vediamo), mentre il bianco... beh è una questione più complessa.
    In bocca al lupo (mannaro) per questa nuova avventura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anch'io che la questione non sia così semplice. Diciamo che ci sono due diverse scuole di pensiero....

      Elimina
    2. Non che ci siano due scuole di pensiero: bisogna vedere se si parla di emissione (luce) o assorbimento (il colore degli oggetti) o diffusione della luce (trasparenza e bianco).

      Elimina
    3. Quindi, per quanto riguarda ciò che è stato scritto nel post, faccio bene a rimanere nel vago. ^_^

      Elimina
    4. Magari in uno dei miei futuri post per il Futuro è Tornato potrei spiegare questa cosa, in modo da chiarire questa controversa questione.

      Elimina
    5. Ottima idea! L'unico problema, a mio parere, è che il tema non è abbastanza sci-fi per essere ospitato su IFET. Senon dovessero fartelo passare ti ospito io volentieri su Obsidian Mirror (è un invito ufficiale).

      Elimina
    6. Su IFET detengo una rubrica che parla di scienza (The Lab), quindi andrà più che bene. Direi che ho deciso l'argomento di marzo!
      Ti ringrazio comunque dell'invito, magari lo tengo buono per qualche altro argomento in linea col tuo blog (ops... i tuoi blog). Per esempio, che dire dei vampiri da un punto di vista scientifico.

      Elimina
  3. Innanzitutto in bocca al lupo per questa nuova avventura al sangue!
    Poi: non puoi liquidarmi così gli '80! XD
    Voglio vedere cosa combinerai qui... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no te li liquido, tranquillo (non del tutto, perlomeno).

      Elimina
  4. Anch'io ti faccio un bell'in bocca al lupo. Seguiremo anche obsploitation.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della fiducia. Spero di riuscire a ripagarla. ^_^

      Elimina
  5. Ci sono anch'io come puoi vedere. La mia collezione del genere exploitation anni 70 è di molte centinaia di titoli quindi seguirò il tuo blog con l'occhio dell'esperto in materia, ma son sicuro (in base a TOM) che sarai all'altezza. D'accordissimo poi con te su tutto quello che hai scritto qui sugli anni 80 (a cui aggiungo i 90 e successivi) e le locandine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo, aspetterò quindi con ansia i commenti di un appassionato del genere ^^

      Elimina
  6. Grande! Il coraggio di tentare è una dote preziosa! L'entusiasmo é capace di fare cose immense (anche se un giorno resta sempre fatto di 24 ore... il tempo per gestire entrambi vedrai che lo troverai). Dò il mio benvenuto a questo blog e sarò contenta di far parte della nicchia alla quale il nuovo nato si rivolge. Amo quella parte spietata e cruda (e anche irriverente) del cinema, quella che non é proprio per tutti insomma. Io ci sono, e come tanti qui, ti sosteniamo fedeli... Buon lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semmai c'è qualcosa che mi manca, quello è il tempo. Non certo il coraggio. Eppoi non è mica detto che mi stia rivolgendo ad una nicchia. Capace che ci siano molti più appassionati di quel che crediamo....

      Elimina
  7. ps. Obsploitation ha già un posto d'onore nel mio blogroll :)

    RispondiElimina
  8. Ovviamente mi iscrivo di corsa anch'io, e mi unisco al coro di in bocca al lupo per il neonato blog, anche se sappiamo che non ne hai bisogno!

    RispondiElimina
  9. Oh, un nuovo blog! In bocca al lupo per la nuova avventura.

    RispondiElimina
  10. Tutto questo bianco mi dà la sensazione di essere in un'altra dimensione :) In bocca al lupo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, soprattutto per chi arriva dall'altro blog, l'impatto è un po' abbagliante. Tks!

      Elimina
  11. Oh, vedi che mi sfuggono le cose!
    Non è che avete già banchettato, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il banchetto c'è stato ma alla fine sono stati in pochi ad accorrere al richiamo della festa. È avanzata un sacco di roba da mangiare che sto ancora conservando di là in frigo. Dubito però che sia ancora commestibile. Benvenuta!

      Elimina